Come far Decollare il Tuo Ecommerce [La guida più completa online]

Ciao. Se sei finito in questa pagina può essere solo per due motivi: hai un negozio online e non sei soddisfatto delle vendite oppure sei un web marketer e non sai come portare più vendite al sito di un tuo cliente.

In entrambi i casi sei finito nel posto giusto.

Nella fattispecie parlerò di un negozio creato con Prestashop, ma credo sia lo stesso per tutte le altre piattaforme, basterà semplicemente trovare le funzionalità corrispondenti per la tua piattaforma. In ogni caso consiglio vivamente Prestashop per le funzionalità e la semplicità, e se vuoi imparare ad usarlo per bene scrivimi pure, vediamo come fare.

Questa guida rappresenta quello che faccio e ho fatto con decine di clienti. È un percorso pratico spiegato passo passo e non prevede sorprese: se applichi tutti i passaggi alla fine il tuo ecommerce funzionerà senza dubbio. Attenzione però: se salti anche un solo passaggio potrebbe rovinarsi tutto il processo di vendita.

I negozi digitali per funzionare hanno bisogno di traffico qualificato, cioè di persone che ti trovano perchè cercano il prodotto che vendi. Quindi deve succedere che il cliente cerca il prodotto, trova un annuncio da qualche parte, ci clicca e finisce nella pagina del tuo prodotto. Questa è una considerazione importantissima, perchè capiamo due cose:

La pagina del prodotto sarà la prima pagina che vede il cliente, quindi deve essere completa e chiara;

• Bisogna scegliere un tipo di pubblicità che ci consente di pagare solo i click. Cioè se mi cercano 100 persone e tutte e 100 vedono il mio annuncio insieme ad altri annunci dei competitor, ma di questi solo 5 cliccano sul mio prodotto, io devo pagare solo 5 click.

Detto questo partiamo con la guida passo passo su come incrementare le vendite sul tuo ecommerce.

Step n. 1 – La pagina del Prodotto

Come detto, la pagina del prodotto è la pagina di atterraggio del tuo cliente, quindi deve essere quanto più precisa possibile. Elementi indispensabili sono:

• le foto (meglio se diverse foto);

• la descrizione breve: ogni prodotto deve avere obbligatoriamente la descrizione breve, questa sarà utile al cliente per avere informazioni veloci sul prodotto e sarà indispensabile per il tipo di pubblicità che vedremo di seguito;

• la descrizione lunga e la tabella delle caratteristiche: il cliente cerca tutte le informazioni che gli servono, e se non le trova sul vostro sito si recherà su altri siti per capire se il prodotto faccia al caso suo;

• Il prezzo chiaro e evidente;

• i prodotti correlati e gli accessori: questi sono fondamentali per raddoppiare il vostro margine. Immaginate di guadagnare solo 20 euro su un prodotto di 300 euro (un telefono ad esempio) per essere competitivi col prezzo, se al cliente, nella pagina del prodotto, proponete anche un accessorio come la cover dove marginate altre 10 euro, avete aumentato la spesa media del cliente e il margine senza una pubblicità extra.

Step n. 2 – Le Pagine indispensabili del Sito

All’inizio i clienti non si fideranno di te, per cui andranno a guardare alcune pagine per capire se acquistare da voi o meno. Guarderanno la pagina delle spedizioni, per capire con quale corriere spedite, in quanto tempo e a quale costo. La pagina dei pagamenti, per capire se possono pagare con Paypal (50% dei clienti), Contrassegno (15% dei Clienti), Bonifico (30% dei clienti). La pagina Termini e Condizioni per capire, in caso di problemi, i tempi e le modalità del diritto di recesso.

Quindi dedica mezz’ora per creare queste pagine in modo chiaro e preciso.

Step n. 3 – La pubblicità

In questo caso ci riferiamo ad un ecommerce che vende prodotti non esclusivi, quindi oggetti che vende anche la concorrenza con prezzi più o meno simili.

A questo punto faremo pubblicità su Google Adwords, sui comparatori di prezzo e sui marketplace. Vediamole nel dettaglio.

Adwords ti permette di comparire nelle prime posizioni su Google ogni volta che qualcuno cercherà delle parole che tu avrai scelto preventivamente. Google mette anche un servizio assistenza a disposizione, in modo che dei loro tecnici qualificati creino la campagna al posto tuo.

Il comparatore di Prezzo che funziona meglio è senza dubbio Trovaprezzi: in pratica trovaprezzi inserirà il tuo catalogo categorizzato insieme ai prodotti dei tuoi competitor e quando un cliente cercherà un prodotto gli comparirà una lista dello stesso prodotto di tutti i competitor ordinata per prezzo, dal più basso a quello più alto.

Per configurare trovaprezzi, Prestashop ha diversi moduli che puoi trovare su addons.prestashop.com

Marketplace: inserire il proprio catalogo prodotti su Ebay e Amazon, portano numeri incredibili.

Step n. 4 – La chat

La chat sul sito è uno strumento indispensabile per tutti gli ecommerce attuali. Ti permette innanzitutto di rispondere anche a 20 clienti simultaneamente con un solo collaboratore. In più da un senso di fiducia e supporto al navigatore, che vede qualcuno su cui contare.

Io utilizzo il servizio chat di Zopim Chat

Step n. 5 – I feedback

Iscriversi a servizi di recensione, perchè gli utenti hanno bisogno di fidarsi di te e quindi leggono tutte le recensioni degli altri clienti per capire se sei affidabile. I più famosi di tutti sono Ekomi o Feedaty (quest’ultimo è italiano 😉 )

Step n. 6 – I prezzi

Questo è il passaggio più importante. Per fare questo devi individuare i prodotti più richiesti e quelli dove margini maggiormente. Fatto ciò recati su Trovaprezzi, e cerca il prezzo più basso del tuo prodotto. A questo punto imposta il tuo prezzo un euro inferiore al miglior prezzo su trovaprezzi: questo ti porterà un bel pò di click di persone molto interessate. Il mio consiglio è di confrontare 20-30 prodotti al giorno.

Step n.7 – La spesa

Quanto bisogna spendere? dipende.

La chat versione completa costa 14 euro al mese, c’è una versione gratuita abbastanza completa di tutte le funzionalità.

Ekomi circa 40/50 euro al mese, Feedaty è più economico.

Adwords costa mediamente 30/50 centesimi di euro a click, e mediamente ogni 100 click porta un solo acquisto. Quindi 100 click a 30 euro, un solo acquisto. Se su un acquisto si margina 100 euro allora siamo dentro.

Trovaprezzi costa 14 centesimi a click e in media porta 3 acquisti ogni 100 click. È il servizio che maggiormente cambia le sorti della tua impresa digitale.

Amazon costa almeno 39 euro al mese più il 15% su ogni vendita. Porta però un buon numero di ordini anche se con un margine molto ridotto.

Ebay costa almeno 20 euro al mese più il 10% su ogni vendita.

Paypal prende il 3,5% delle transazioni.

Step n. 8 – Le mie considerazioni

Secondo la mia esperienza, per mantenere vivo il funnel di vendita, bisogna ricevere almeno 10 vendite al giorno. Questo perchè abbiamo delle spese, trattate precedentemente, e abbiamo dei collaboratori, una persona in chat, una persona che risponde al telefono, chi fa il confronto dei prezzi su trovaprezzi.

Per vendere 10 prodotti al giorno bisogna investire almeno 1000 euro al mese su Trovaprezzi e 1000 su Google. Certo puoi iniziare più lentamente, ma solo se riesci a tenere sotto controllo le altre spese.

Se hai bisogno di un’analisi del tuo sito puoi mandarmi una richiesta nel form sottostante.

Commenta